CAMPIONATI

D3: DRAKE VINCE                 Mentre nel girone A il team Tortuga non ha giocato, contro “gli ultimi della classe”, cioè della classifica-girone B, un club della zona Talenti/Ziodamerica, i nostri del Drake hanno prevalso 4 a 2 e alquanto a stento.  Caretti e Passeri hanno buscato al 4° set l’uno, al 5° l’altro, contro un ragazzino promettente e maleducato (sbraitava ad ogni punto; la colpa va divisa tra lui e chi gli sta dietro). Gli altri due avversari, adulti, a definirli modesti si commetterebbe un insulto alla modestia ch’è lodevole qualità; siamo dunque sinceri e chiamiamoli col loro nome: pippe. Contro costoro Raffaelli, eroe della giornata, ha vinto con due treazzèri; Caretti ha vinto pure lui e Passeri, mostrando tremende incertezze da braccetto (deve assolutamente vincere questa iperemotività), quasi ci perdeva ma alfine c’è l’ha fatta. Insomma: un match da cui è emersa qualche cosa buona ma anche la necessità di impegnativo lavoro tecnico, tattico e psicologico.

VITTORIA E PAREGGIO

D3 GIRONE A: NETTA AFFERMAZIONE              Casalingo 5 a 1 per noi (Tortuga) sul team Tuscia B con doppietta di Arnaldi e cap. De Lorenzi fresco vincitore (accompagnando Tosca co la su’màgggica chitàra) della serata-cover a Sanremo, e un punto e una sconfitta di Wijeratne che, dopo l’interminabile sosta causa infortunio, ancora fatica ad esprimersi appieno. Prosegue così l’avvicinamento al fatidico 7 marzo, allorché ci giocheremo l’annata nel retour-match contro il Gym Center…speriamo ardentemente che i nostri si preparino a questo importante giorno con la dovuta dedizione.

D3 GIRONE B: DRAKE  CHIUDE 3 A 3                 All’andata in trasferta contro Roma Nord, equipe davvero alla nostra portata, i nostri eroi avevano vinto 4 a 2; ed invece al ritorno, causa “franamento” di cap. Lo Vetro rientrato da poche ore da Manchester, i nostri punti sono venuti 2 da Caretti e uno da Passeri. E’ stato un match che ci ha lasciato l’amaro in bocca poiché poteva arcibenissimo finire 4 a 2 o 5 a 1 per noi; ma l’inesperienza ancora una volta ci ha fregato.

CAMPIONATI FEDERALI

D3 GIRONE A: TORTUGA SCHIACCIASASSI.            Nella remota Soriano (Tuscia) Arnaldi, cap. De Lorenzi e Wijeratne hanno rifilato 6 a 0 ai pongisti locali. Affermazione ancor più  evidente esaminando il parziale di 18 set vinti a fronte di un solo set perso, il che ha ricordato allo scrivente un punteggio ancora più tràgggico: quando, novembre ’17, la nostra inesperta squadra femminile dell’epoca, Battaglia, Cassone e Melpignano (che nel frattempo sono divenute giocatrici eccelse e opzionate da club dell’estremo Oriente, ma ora che c’è er corona virus nun ce vanno) ebbe l’ardire di lanciare il guanto di sfida alle tenaci pallettare del Colleferro e i set furono 18 per le avversarie e zero per noi…

D3 GIRONE B: SUPER-BATOSTA           In casa del Cral Comune di Roma i nostri eroi si sono beccati ‘na sveja come all’andata, 1 a 5; solo che stavolta il nostro unico punticino lo ha vinto Raffaelli mentre nel novembre scorso fu Passeri a salvare il team dal vergognevole cappotto. Purtroppo, sebbene gli avversari fossero abbordabilissimi, ai nostri ancora mancano quella freddezza, quella sana cattiveria agonistica indispensabili anche a livelli bassotti come la D3.

PROSSIME               Sabato prossimo si giocheranno in casa due partite di D3 in contemporanea. Sono previste le dirette Rai, Mediaset e Bbc.

CAMPIONATI FEDERALI

D3 GIRONE A: TORTUGA VITTORIOSA        Nella remota Montefiascone il nostro team Tortuga ha prevalso con un netto 5 a 1, unica sconfitta di Iannuzzi mentre De Lorenzi e Wijeratne han fatto doppietta quantunque entrambi siano stati costretti a un quinto set. Wijeratne rientrava dopo un anno di stop dovuto a strappo al polpaccio di lenta anzi lentissima guarigione, pare mal curato; come prevedibile ha giocato così così ed è riuscito a farcela solo grazie al maggiore talento.

D3 GIRONE B: DRAKE K.O.                    Anch’essi a Montefiascone, ma il 19 mattina mentre la Tortuga si è  esibita il sabato pomeriggio, i poderosi Caretti, Lo Vetro e Passeri hanno buscato 2 a 4 (una vittoria a testa dei primi due, mentre Passeri ha trovato i più forti che lo han messo sotto) dai primi in classifica del loro girone. Poi si sono consolati con una pantagruelica grigliata innaffiata da vino est,est,est.

PROSSIME.           Il 25/26 il calendario Fitet prevede torneo nazionale, per cui i campionati riprenderanno, per noi, domenica 2/2 mattina: Tortuga andrà a Soriano nel Cimino e Drake in zona Stazione Termini.

A.A.A. CERCASI SQUADRA DONNE.     Ormai siamo rassegnàti: uno squadrone femm come quello (Catola, De Petris, Martino e soprattutto Piccini) che nel 2006, 07 e 08 vinse appunto 3 volte di fila il titolo reg.le a squadre non lo avremo più…ma un gruppetto di 6 o 7 discrete giocatrici, purché simpatiche, quello sì -accidenti – che dovremmo riuscire di nuovo a mettere insieme! Estendiamo tale necessità ai maschi del team, affinché anche loro contattino qualche amica adatta.

SGOCCIOLI DEL 2019

A UN OTTIMO CARETTI IL TORNEO DI NATALE/FINE ANNO         Un finalmente convincente Roberto Caretti ha vinto a sorpresa il tradizionale nostro torneo ed. 2019, portandosi a casa faraonici premi in cibarie e, last but not least, la meravigliosa coppa itinerante che da fine ’18 a fine ’19 spettò a Wijeratne vincitore della scorsa edizione. Caretti ha vinto sui pur pugnaci Cavallaro, Lo Vetro e Passeri nel girone e, in finale (dove, va detto, godeva di 4 punti di vantaggio sul nostro attuale n° 1 De Lorenzi), ha prevalso per un pelo; ma tutti noi sappiamo che tra vincere di misura e perdere altrettanto di misura c’è una gran differenza (psicologica). Terzo Cavallaro, quarto il leggendario conte Iannuzzi.  Si spera che questa bella affermazione, assieme alla doppietta messa a segno in D3, dia fiducia a Roberto cui i colpi non mancano e gli consenta un salto di qualità, più che tecnico, appunto mentale.

AUGURI               Sebbene allo scrivente, per ragioni che manco lui sa spiegare e spiegarsi a fondo (probabilmente risalenti a grigia infanzia…ce vorebbe Fròide, ahò)  non piace né fare né ricevere auguri, è buona norma, per educazione, farli comunque…e quindi BUONA E SERENA SANTA PASQUA, cari amici!!!

QUASI 2020

D3: RIFLESSIONI DOPO VARIE GIORNATE.          Ci siamo presentati nella D3 2019/20 con due squadre denominate Drake, meno quotata, e Tortuga, che mirava esplicitamente alla promozione…però, vacca miseria, contava su Wijeratne!  Senza di lui finora, e dopo la brutta sconfitta con l’altro club candidato alla D2, il Gym Center, le speranze/possibilità sono calate da un 80% a un 25. Ma se i nostri alla ripresa del campionato terranno duro ogni giornata e – a differenza di quanto combinato all’andata – nel retour-match contro il Gym Center (7 marzo), con Ryan dentro, daranno tutti il massimo, ce la si può ancora fare.  Assai migliore del previsto invece la Drake con una vinta, due pareggiate e una persa.

18/12: TORNEO DI NATALE/FINE ANNO               Nel ’18 lo vinse a forza di topspinacci mancini Wijeratne che dopo qualche settimana purtroppo si infortunò al polpaccio…infortunio, più che lungo, di durata unica sul pianeta per uno strappo muscolare: siamo a 11/undici mesi! si spera che rientri, sebbene disallenato, proprio a questo torneo di Natale che sarà il prossimo MERCOLEDÌ 18 ore 21. Ciascuno porti panettone, torrone o bottiglia per er montepremi; altrimenti multa di ben 5€ che arricchirà il primo classificato. Se Ryan viene, deve porta’ anche la coppazza itinerante; se non viene, ce la deve far avere.

SOSTA PER LE FESTE            Pur consapevoli di infliggere un vulnus terìbbbile a qualche nostro ppongaddicted che precipiterà in crisi d’astinenza e di panico (non gli restano che il mitico tavolochenunrimbarza de Caretti, quello nella chiesetta di Lo Vetro o quello di Tafuro che però ci gioca in dosi omeopatiche), avvisiamo che si giocherà il 23, ultima volta 2019, e che poi la 1a del ’20 sarà l’8 gennaio, 2 gg dopo il deprimente 65° compleanno, per la Befana (ebbene sì, er destino gli riservò anche quest’onta), di uno che conoscete piuttosto bene e che subisce appunto mesto e rassegnato il passaggio alla scricchiolante terza età.

(BRUTTA) SCONFITTA E PAREGGIO

TORTUGA: PURTROPPO BATTUTA 2 A 4 IN CASA NEL BIG MATCH DI ANDATA     La doppietta – faticata più del dovuto ma alfin riuscita – di De Lorenzi non è purtroppo stata sufficiente; infatti uno spento, approssimativo Arnaldi condizionato da braccetto e un conte Iannuzzi volitivo solo nella sua seconda, ma lì sfortunato (12/14 in bella contro il più quotato degli opponenti) le hanno perse 4 su 4 contro il Gym Center che era primo in classifica assieme a noi e che quindi ora ci ha staccato. Solo il vincerle tutte da adesso in poi, battendo per di più il Gym Center 5 a 1 al ritorno, ci garantirebbe la vittoria del girone A e la promozione in D2…Se vincessimo solo 4 a 2, per stabilire il team promosso farebbero testo gli scontri diretti e ne si conteggerebbero prima le partite, poi i set, poi addirittura i punti. Se invece con costoro pareggiassimo o riperdessimo (dando per scontato di vincere le altre sia noi che loro), addio D2.   Ora lunga pausa natalizia e si ricomincia il 18 gennaio a Montefiascone.  Speriamo in Padre Pio, in una dose di “lato bi” che oggi ci è  mancato e soprattutto in Ryan Wijeratne, detto “l’uomo collo strappo muscolare più inguaribile della storia”, il quale presto dovrebbe rientrare.

DRAKE: PAREGGIO                 Abbiamo affrontato a v. Morro il team di pza Vescovio dal buffo nome “Maccheroni” ed è finita 3 a 3: ciò grazie a – arcisofferta, una a 9 e l’altra a 10, entrambe in bella… – doppietta di un Caretti che finalmente pare abbia almeno semi-imparato a soffrire e combattere, e a un punto di Raffaelli che avrebbe anche potuto essere bissato essendo egli arrivato, nello scontro che ha perso, al 5° set.   A secco e di netto cap. Lo Vetro che ha bei colpi ma è troppo, troppo falloso per cui deve autoanalizzare le proprie carenze tecnicotattiche onde, se non eliminarle del tutto, ridurle; e, perdente pure lui sebbene al 5° set, un Passeri che ha il notevole merito di esser divenuto “giocatore decente” in pochissimo tempo, però ha ancora un bel po’ da imparare.

 

NEL PIENO DEI CAMPIONATI

D3: LA DRAKE PAREGGIA           Con l’altro nostro team (Tortuga) in turno di sosta poichè ha girone a 5, il 30/11 ha giocato solo la Drake dato che il suo girone, cioè il B, è a 6. In zona Nomentana/Sempione i nostri hanno affrontato la Dynamo Magnetic: è finita con 2 su 2 di Caretti eroe della giornata, una di cap. Lo Vetro e purtroppo zero di Passeri (il quale ha perso 6 set senza vincerne alcuno, e in ben 4 di questi è andato sotto 9/11: il che dimostra “che non disponeva della volitività necessaria a sgraffignare i punti- chiave”). E stavamo anche sotto, nel globale, 2 a 3, prima che Caretti conquistasse per un pelo il pareggio…quindi c’è andata ancora bene.

SABATO 7 V MORRO APERTA 16/19!      Come da precisi accordi coll’IC Parco di Veio (da quest’anno il nostro interlocutore non è più il Municipio XV ma direttamente la scuola di cui v. Morro Reatino è sede secondaria), il 7 dicembre sarà il 2° sabato, su 12 in tutto del 2019/20, in cui a via Morro si giocherà. Ciò in quanto entrambe le nostre squadre saranno impegnate in casa: la Tortuga – partita importantissima in funzione dell’agognato nostro ritorno in D2 – si giocherà il primo posto in classifica del girone A contro il pericoloso Gym Center, mentre la Drake avrà da vedersela coll’abbordabile Maccheroni-macelleria-Luciano.

 

DUE VITTORIE IN CAMPIONATO!

D3, GIRONE A: 5 A 1 PER LA TORTUGA          Nella remota Montefiascone, sabato pomeriggio, doppiette agevoli di Arnaldi e cap. De Lorenzi mentre Iannuzzi, in giornata così così, è stato quello che più ha tribolato, avendo fatto 2 volte il 5° set uno dei quali gli è andato storto. Gli avversari della Tuscia globalmente erano dunque piuttosto abbordabili; ma tra due settimane, in casa, vi sarà il duro match, forse decisivo (ovviamente assieme al ritorno) per la promozione, contro il Gym Center; e ohinoi siamo sempre senza il nostro n° 1 Wijeratne, fermo da circa 10 mesi.  La settimana prossima – avendo la Tortuga girone a 5 mentre la Drake ce l’ha a 6 e perciò giocherà  – i nostri alfieri riposeranno.

D3, GIRONE B: 4 A 2 PER LA DRAKE          Rassicurante vittoria dopo il deludente 1 a 5 subìto in casa all’esordio, domenica 24 pomeriggio al quartiere Flaminio contro il non irresistibile TT Roma: 2 punti su 2 di cap. Lo Vetro e uno a testa di Caretti e Passeri. La Drake non è psicologicamente “under pressure” come la Tortuga da cui ci si aspetta che vinca il girone; ma i nostri tre, più il quarto  il quale è nientemeno che Raffaelli, auspichiamo esprimano un certo livello tecnicoagonistico e arrivino in buona posizione. La prossima settimana rigiocheranno in perigliosa trasferta; speramobbène.

SERIE D3: UNA VINTA E UNA PERSA

GIRONE A: AVVERSARI CAPPOTTATI.                 Esordio con un indiscutibile 6 a 0, contro il Soriano nel Cimino, del nostro team più competitivo denominato “Tortuga” dopo lunga riunione in merito dei giocatori.  Arnaldi, De Lorenzi e il conte Iannuzzi (che ha trasferito su De Lorenzi i fulgidi onori e i pesanti oneri del capitanato) si sono dimostrati più esperti e concreti degli avversari i quali però, ancora acerbi quanto ad agonismo ma promettenti, si prevede che miglioreranno essendo allenati dal capace viterbese Simoni.

GIRONE B: BRUCIANTE SCONFITTA           La nostra squadra “Drake” ha subito un disonorevole 1 a 5 casalingo contro il non irresistibile Comune di Roma; si è visto un match che – giocando con giusto un po’ più di sapienza agonistica – avrebbe potuto essere minimo un pareggio.  Cap. Lo Vetro e Passeri (quest’ultimo autore della nostra unica vittoria) erano alla loro prima esperienza di campionato federale e quindi l’aver giocato al di sotto delle loro potenzialità va capito e accettato sperando che ci ragionino sopra, che in allenamento curino certe essenzialità sulle quali si sono mostrati fallosi e che pertanto già  alla 2a giornata, il penultimo weekend del corrente mese, facciano meglio. Diverso il discorso di Caretti il quale, avendo varie stagioni di D3 e anche di D2 alle spalle, non può venir scusato per le pecche soprattutto di gestione mentale dei set purtroppo evidenziate; tale costante carenza, probabilmente dovuta ad emotività, gli ha fatto perdere occasioni d’oro in entrambe le sconfitte riportate.