TORNEO DI FINE ANNO 2017

TORNEO DI FINE ANNO 2017               Quando il profumatissimo Abba(telli)  è solennemente entrato in palestra esibendo il coppone itinerante da lui vinto un anno prima, tra gli/le astanti vi è stato un momento di commozione, qualche secondo di religgggioso silenzio: ciascuno in cuor suo sperava de vìnce, ahò, e di portarsi a casa il cimelio!   Ma a vincere è solo uno; e – ohinoi – ce l’ha fatta un “esterno”, anche se ben noto siccome più volte nell’annata viene a giocare da noi: ALBERTO LENTINI! Per Lentini, che odia esser chiamato pallettaro anche se è la verità, poichè gli vogliamo bene usiamo un altro aggettivo, più nobile: attendista. Egli in fatti non è un vero difensore, bensì tiene dentro con estrema regolarità una ragnatela di palle tagliate e semitagliate, finchè l’attaccante di turno si incasina da solo e sbaglia. È un modo di giocare improponibile a livelli un po’ più alti, diremmo dalla D1 in su…ma Alberto, che milita per altro club, in D3 e torneini vari, tipo questo, vince parecchio, appunto confidando nella fallosità degli avversari.    In finale – dopo asperrima tenzone – ha avuto la meglio su Lucio Cavallaro, anch’egli tesserato altrove sebbene venga spessissimo a giocare da noi. L’unico ad aver avuto la soddisfane di battere Lentini nelle eliminatorie è stato Paolo Gonella che poi però, battuto da Dato, non ha raggiunto la finale per differenza set a favore dello stesso Lentini.  Va aggiunto che tutti i nostri big, per un motivo o per l’altro, cioè per lavoro, vacanza o malattia, erano assenti…comunque chi c’era speriamo faccia umile e onesta autocritica e, sia a livello mentale (servono concentrazione, tenuta di gara dal primo all’ultimo punto, senza pause!) che “di braccio” (accidenti: usare sia maggior precisione sia maggiore potenza, quando si parte in attacco!), riesca a progredire.  La serata è stata poi allietata da un brindisi offerto dal conte Iannuzzi: fermo  anch’egli per un malanno, è apparso a gara conclusa e ha stappato squisito Riesling che va a prendere in una tenuta emiliana dove si serve – ullallà – addirittura Carlo d’Inghilterra!

 

AMICHEVOLI FEMMINILI               Dopo il celeberrimo Torneo Fondazione Bellisario del 9 aprile, si è formato da noi, che dopo le glorie del decennio scorso eravamo rimasti senza settore femminile, un nucleo di 4-5 signore appassionate che si spera diventino anche di più’; capitana è stata nominata l ‘avv. Carlamaria Melpignano, già vincitrice di detto torneo e brava organizzatrice. Avendo iniziato a giocare lo scorso febbraio e nemmeno – causa altri impegni – con assiduità, di strada da fare ne hanno tanta, ma sono appassionate, determinate e anche abbastanza talentuose.  Il 19 novembre, emozionatissime, a Colleferro, prima esperienza para-agonistica, hanno beccato ‘na sveja dalle giocatrici dell’amico De Luca, troppo esperte per loro,  Ora non è improbabile una seconda trasferta a Roma sud, Casalpalocco oppure Ostia, il 21 gennaio: avversari stavolta saranno uomini, stagionati anche loro però alle prime uscite, guidati dal deus-ex-machina pongistico della zona Taramelli.  Sarà un match terìbbbbbile e indimenticàbbbbile! Pare certa la presenza di emittenti televisive cinesi.

 

RE-REPETITA RE-IUVANT                 Per chi non fosse a livelli di comprendonio einsteiniani, ribadiamo che il 1° dell’anno non si gioca, ma gli altri giorni sì, Befana (“lectio brevis”, ca 3 ore dalle 15) compresa!

 

AUGGGGÙRI              Dopo che giorni fa era il turno di quelli di Natale, ora li facciamo di ottimo (e pongisticamente proficuo) 2018.

BUON NATALE A TUTTI/E!

REPETITA IUVANT                 Affinchè – già accadde…- qualche disperato quei giorni non bussi invano al cancello chiuso di v Morro Reatino, ripetiamo che (ovviamente) i due lunedì 25 e 1° non si giocherà. Tutte le altre volte invece sì.

 

TORNEO DI NATALE/FINEANNO                  Già abbiamo avvisato che si svolgerà sabato 30 alle15  (ma noi giocheremo anche il mercoledì precedente e quello successivo).  Perfino i muri sanno che per questo torneo, mentre per quello di Pasqua ogni giocatore deve portare una colomba o qualcosa di simile, i baldi atleti sono tenuti ciascuno a dare p.e.un panettone, pandoro, torrone o bottiglia; il tutto a formare un principesco montepremi. La coppa itinerante verrà riconsegnata dal vincitore 2016 e, a gara terminata, alla base del trofeo verrà scritto il nome dell’epico 1° class 2017 e il cimelio gli verrà consegnato per un anno.

 

MELPY-PARTY                   Il 19 scorso la capitana della ns temuta squadra femminile, Carlamaria Melpignano, ha offerto una squisita cena nella sua  casa di Vigna Clara, cui ha partecipato buona parte del team.  La già piacevole atmosfera è stata impreziosita da un’esibizione canora del profumatissimo Abbatelli notoriamente dotato di voce alla Frank Sinatra (ma vi è chi lo trova più simile a Dean Martin); oltre ad abbuffarsi come suo solito (c’è uno soltanto, che può fargli concorrenza in questo…) egli, commuovendo i/le sensibili presenti, ha cantato una sofferta, struggente versione dell’immortale capolavoro di Orietta Berti  “Fin che la barca va”.

 

AUGGGÙRI, AHÒ              Onde nun esagggeràre in una volta sola, quelli di ottimo 2018 ve li faremo unitamente al resoconto del Torneo del 30…per ora quindi: felice Santo Natale…e siate bbbòni!

RISULTATI D2 E D3

D2 FRED PERRY: ENNESIMA BATOSTA                Giusto perchè i numerosi fans si lamentavano della monotonia degli 1 a 5 che i nostri si eran buscati uno via l’altro, cos’han pensato di fare i titani della F. Perry Abbatelli, Gonella e cap. Iannuzzi? un’idea geniale: stavolta si sono beccati cappotto, 0 a 6!   Inoltre, se il profumatissimo Abbatelli non avesse rovinato tutto succhiando un set, sarebbe finita 0 set per noi e18 per gli altri…  A parte gli scherzi, gli avversari erano i primi in classifica del girone C, gente parecchio più su di ranking Fitet e non c’era verso di farci partita: quasi tipo il Real Madrid contro er Fregggène Football Club.

 

D2 HASEGAWA: RIPOSO               Il nostro assai sfortunato team di punta non ha giocato perchè il girone D è a 7 squadre anzichè 8…li rivedremo in gara a febbraio.

 

D3: TRIBOLAZIONI A GOGÒ                  Contro la squadra più debole del girone in cui militiamo cioè l’F, sul perentorio treazzèro per noi (a segno Arnaldi, Caretti e Dato) quella testa fina di Sua Maestà er Selezzzionatore, constatata appunto la modestia tecnica degli opponenti, con mossa spericolata ha fatto entrare Raffaelli al posto di cap. Arnaldi ch’è il più vincente del team.  E qui è accaduto l’inaccadibile, in un incontro che i bookmakers di Londra e quelli di Manchester erano concordi nel pronosticare nostro: colto da una gigantesca, incommensurabile “braccettite” al cui confronto Fantozzi e Filini quando giocano a tennis nella nebbia (“…ragioniere che fa, batti?”) paiono Federer e Nadàl, il buon Luca si è reso, suo malgrado, protagonista di una delle più clamorose controrimonte della storia: è riuscito a perdere da 10 a 2 per lui in bella contro un pongista che era l’esatta, sputata antìtesi di J O Waldner!  Roba simile si era vista solo – pare – in Wisconsin nel 1956.   A seguire la disgraziatissima performance raffaelliana (o raffaellita?), per non essere da meno Caretti è andato sotto 2/3 dopo che vinceva 2/0 contro uno peraltro migliore del giustiziere di Luchinononvisconti. Si è giunti così, in un’atmosfera da tregenda, ar mèccie decisivo, in cui Dato doveva assolutamente vincere contro avversario di davvero bassa levatura altrimenti – azz…- avremmo solo pareggiato! La responsabilità ha gravato qual macigno sulle spalle del noto pokerista di mestiere che si è dimostrato rigido, impreciso: ma per fortuna, essendo più forte, ha portato lo stesso a casa la pellaccia dell’orso e così, globalmente, è finita 4 a 2 per noi.   Questo match è stata l’ennesima lampante dimostrazione, se ce ne fosse stato il bisogno, di quanto, nel pingpong, l’emotività possa “strangolare” il rendimento.

 

FESTE: RUOLINO DI MARCIA              Ci fermeremo, cioè la palestra resterà chiusa, solo lunedì 25/12 e lunedì 1/1.  Ma il nostro maniacismo arriverà a tal punto che giocheremo pure pe’la Befana, ahò, giorno che tra l’altro sancirà er tragggico, decadente 63° genetliaco di chi scrive!

DOPPIO (E ALTRO)

1^ QUALIFICAZIONE PRE-MASTER DI DOPPIO                 Ottima vittoria a sorpresa per l’inedita tenace coppia Roberto Caretti/Marianna Cassone (10 punti a testa) i quali in finale, avendo usufruito – va specificato – di cospicuo vantaggio sin dalle eliminatorie, hanno battuto 3 a 2 i celebrati campioni in carica Gonella/Iannuzzi (8 pp). Terzi, a 6 pp, Abbatelli/Carla Melpignano; quarti, a 5, Cavallaro e De Lorenzi e infine, tutti a 3 punti, Amabile, Arnaldi, Silvia Battaglia e Raffaelli.

PONTE DE L’IMMACOLATA CONCEZIONE: NEVERTHELESS SÀBBATO SE GGIOCA!                La tradizionale vacanza-ponte, con trilioni di macchine incolonnate a miserando passo d’uomo (e guidatori smoccolanti) sulle varie consolari e autostrade non blocca l’attività pongistica dei ns eroi:  infatti sabato alle 15, puntuali qual cronometro svizzero, saremo in v Morro!

TORNEO DI NATALE-FINE ANNO                 Con largo anticipo avvisiamo che sarà sabato 30 ore 15.  Regolatevi quindi coi vostri        epicurei lussuosi viaggi in isole lontane, e il 30 cercate di essere nella Città Eterna!

RUBRICA “I NOSTRI ALFIERI”              C’è “qualcuno”, tanto per non far nomi il conte Iannuzzi, cui immemorabile tempo fa venne dato (o se ne prese lui volentieri la briga, nemmeno ricordiamo di preciso cosa accadde) il delicato incarico di scattare un’estetica, spettacolare, rocambolesca foto a ciascuno del club onde poi inserirla nella prestigiosa rubrica denominata “I nostri alfieri” che sta in questo blog.  All’inizio funzionò bene, ma da un annetto o due er conte batte fiacca e nun fotògggrafa tempestivamente i nuovi entrati/e, sicchè gli innumerevoli fans che abbiamo soprattutto in Usa, Australia e Antille Olandesi protestano vibratamente chi in inglese, chi in antillese.   Pertanto, se qualche giocatore o giocatrice der clèbbe non si ritrova nella suddetta rubrica, gli chieda perentoriamente di essere immortalato/a!

RISULTATI D2 E D3

D2 FRED PERRY: BATTUTI DA LI CCCINESI!                  No, non è che da Pechino sia arrivata al gran completo la nazionale “di Lepubblica Popolale” timorosa di affrontare i nostri eroi…trattasi soltanto di una squadra di cinesi che vivono a Roma, bravetti ma non stratosferici, i quali si sono raggruppati in un team che, come noi dedichiamo anno dopo anno le nostre compagini ad assi scomparsi, ha chiamato la loro come l’attuale connazionale supermega: Ma Long.  La loro “non stratosfericità” è comprovata dal fatto che il conte Iannuzzi ne ha vinta una e anche nella seconda poteva rivincere ma alla fine la sua ben nota filantropia ha prevalso sicchè, generosamente, ha lasciato prevalere il giallo; e che Amabile ne ha vinta un’altra. Invece un fantasmatico Gonella, stremato per la fusione della sua banca con un’altra (lo han fatto sgobbare 25 ore al giorno e a Piazza Affari già lo chiamano “il Sindona di via Grottarossa”), si è beccato due secchi treazzeri. Ergo è purtroppo finita 4 a 2 per gli altri.

 

D2 HASEGAWA: 3 A 3               Brutto pareggio contro il certo non irresistibile Montefiascone; credete, si afferma il vero sostenendo che avrebbe potuto essere un 6 a 0 o quantomeno un 5 a 1 per noi!   Infatti, mentre cap Schiraldi ha colto agevole doppietta, Cesareo – pur avendone vinta una – in apertura d’incontro si era fatto malamente scappare una partita più che vincibile; e Massaro, ohilui e ohinoi, è andato due volte al quinto set e due volte, proprio nei critici, convulsi momenti in cui bisognava lottare ogni punticino baionetta tra i denti, ci ha puntualmente rimesso le penne.   C’è poco da dire: per varie cause anche di forza maggiore ma non solo, la “Hasegawa” è in un momento deludentissimo.

 

D3, TERZA GIORNATA: K.O.                  Contro l’Eureka considerata la meglio squadra del girone F ch’è anche il nostro, noi  (cioè cap. Arnaldi, Dato, De Lorenzi) in trasferta a Roma sud ci siamo buscati un severo 1 a 5, con unica vittoria di Dato sulla loro riserva quando si stava ormai 0-5. Positiva comunque sullo 0-2 la “quasi vittoria” dell’esordiente De Lorenzi contro il “quasi nostro” (poichè, sebbene tesserato per l’Eureka, viene ad allenarsi anche da noi) Cavallaro, elemento ben più esperto di lui.  Insomma, gli avversari erano più solidi e ciò basti.

 

MERCOLEDÌ GARA DI DOPPIO                    Si ricorda ai numerosi cultori del doppio che mercoledì 6 alle 20.45 vi sarà la 1a prova di qualificazione al Master. Pregasi massima puntualità. Chi verrà oltre le 21 si attaccherà al tram.

QUALIFICAZIONI, D2 E D3

1^ PROVA PRE-MASTER DI SINGOLO               L’ha vinta (10 punti) Niccolò Arnaldi, e ciò a conferma del suo esser divenuto competitivo in brevissimo tempo (uno su mille ce la fa, cantava quello…); va comunque precisato che si è avvalso di vantaggi su avversari più scafati.  8 punti al 2°, nientemeno che quer fico del profumatissimo Abbatelli, 6 al 3° cioè Cavallaro, 5 al 4° cioè il conte Iannuzzi e infine 3 punti sia al topspinner Amabile che ha dovuto concedere punti a tutti essendo il più quotato, sia alla pugnace new entry Massimo De Lorenzi e ad un Raffaelli che, in giornata-extra-negativa, ha concluso – ohilui –  con 0 set vinti e 12 persi! (ma era stanco perchè poco prima era rientrato da Bologna, povero tato).

1^ PROVA PRE-MASTER DI DOPPIO                    Ahò, so’ dddù volte che l’abbiamo spostata: accidentaccio, cadesse il mondo LA SI GIOCHERÀ MERCOL 6 DICEMBRE ORE 2045 E NON PARLIAMONE PIÙ!    E ovviamente quel giorno gli inguarìbbbbili doppiòfobi Dato e Schiraldi si concederanno, colle loro dolci metà, una vacanza-lampo alle Seychelles (o nella più facilmente raggiungibile e quasi altrettanto rinomata Centocelle…).

WEEK-END DI GARE FEDERALI                    Tutte e tre le nostre squadre agonistiche giocano tra sabato e domenica.  Ai capitani di D2 Iannuzzi e Schiraldi onore e onere di organizzare le rispettive formazioni…mentre in D3, che giocherà domenica sera a Roma sud, per ora il solo convocato è Arnaldi; per gli altri si deciderà tramite breve “consiglio di guerra” in palestra sabato alle 16 precise; non è escluso cruento spareggio.

D2, D3 E LUNEDI’ TORNEO

D2 GIR. C, FRED PERRY:  3 A 3 (ALMENO STAVOLTA NUN AVEMO PERSO…)                 Finora il team che abbiam dedicato al sommo Perry (il quale, ci riferisce dalla perfida Albione uno che abita vicino ar cimitero, ad ogni cappella dei nostri si rivolta nella tomba) ne aveva perse 4 su 4, e giaceva ovviamente in fondo alla classifica…  Stavolta invece – contro i penultimi della stessa, l'”Isola”, club dell’Ostiense  – abbiamo almeno pareggiato, quindi un passetto avanti lo si riscontra anche se siamo sempre ultimi.  E sarebbe stata addirittura vittoria se Amabile, nelle giornate precedenti il migliore dei nostri con 3v/3p, non fosse franato perdendole entrambe, oppure se Abbatelli, che con la sua prima vittoria ha finalmente – quantunque di poco – migliorato il suo disastroso score di 0v/8p, fosse riuscito a fare doppietta…doppietta è invece riuscita, pur dopo mille tribolazioni, a cap. Iannuzzi eroe der match: chapeau a lui che cavalca assai bene le sue 75 primavere.

D2 GIR. D, HASEGAWA:  4 A 2 PER NOI                  2 sofferte vittorie a testa di un pur malmesso Cesareo (grosse noie al polso) e cap. Schiraldi e, in trasferta, abbiamo battuto il pugnace Soriano del Cimino.  Rimane un flebile barlume di speranza-promozione, ma dovrebbero intervenire pesantemente a nostro favore Padre Pio e Suor Teresa di Calcutta all’unisono, altrimenti non funzia.  Quanto al nostro terzo uomo, Domenico Massaro, egli attraversa uno dei suoi tràggggici lunghi momenti bui, tipo quando – a inizio-carriera, qualche anno fa –  persino i quotidiani di Hong Kong narrarono delle sue innumerevoli sconfitte in D3, spesso a causa di sue quasi masochistiche rese a partita pressochè vinta, interrotte da una vittoria solo all’ultima giornata…vi è sì di mezzo una questione tecnica legata al tocco di palla specie in risposta al servizio…ma 90% è una questione di zucca, di self-confidence, di grinta.  In più occasioni Domenico ha disputato gran partite perchè aveva la testa sgombra ed era…ispirato!   Speriamo che il pellegrinaggio ginocchioni al Divino Amore che ha promesso di fare a brevissimo lo rinfranchi.

D3: PAREGGIO AD ACILIA                    Soddisfacente prova di Caretti che ha conquistato il suo dignitoso punticino, ma soprattutto di cap. Arnaldi il quale, sebbene alla sua prima D3, è già – raro e lodevolissimo – due volte che fa doppietta e figura quindi imbattuto; le vittorie, che ci hanno dato il 3 a 3, provengono dunque da loro. Zero vittorie bensì due batoste subite invece da Igor “Aigor” Gigli, mai presente agli allenamenti perchè intenzionato ad emulare Caltagirone e Parnasi nell’edilizia…essù Aigor, lascia perdere l’idea di costruire una Gigli/Trump Tower a Borgata Finocchio e impegnati un po’ di più ner nostro amato pinghepònghe!

LUNEDÌ 27: 1° TORNEO PROPEDEUTICO AL MASTER DI SINGOLO               Si prega di essere puntualissimi: ore 20.45.  Questo è il primo dei 3 tornei interni di qualificazione al Master (conteggeremo le migliori 2 prove di ciascuno al fine del Master di singolo di giugno ’18) di singolo; la prima qualificazione al Master di doppio invece, che abbiamo posticipato di recente, verrà svolta tra poco .

BRAVA LA NOSTRA D3 !

D2 FRED PERRY: I NOSTRI ANCORA K.O.                  Ennesimo 1 a 5: apre Amabile vincendo; e poi 5 sconfitte consecutive, 2 di Abbatelli e cap. Iannuzzi e una dello stesso Amabile.   Ciò alla 4a di andata del girone C e in trasferta, a casa del TT Roma.  Tutti i singoli incontri sono stati combattuti o combattutissimi…solo che sul nostro piatto della bilancia ne è arrivato uno solo su 6.  Rimaniamo così saldamente ancorati a fondo-classifica, sperando che un metaforico benèvolo sommozzatore prima o poi passi di lì e ce ne disincagli.

D2 HASEGAWA: BRUTTA SCONFITTA               Contro l’AS Hacktive, probabilmente il team più quadrato del girone D, alla 4a di andata i nostri, privi di Cameo operato alla schiena a Firenze in data 16 nov (auguroni di veloce ripristino, Claudio!), non sono andati oltre un 2 a 4, con Massaro che si è incredibilmente fatto rimontare alla bella un match pressochè vinto e Cesareo che, dopo una prima sofferta vittoria, si è infortunato al “polso che gioca” e nulla ha potuto nel 2° incontro. Il punto suo e quello di cap. Schiraldi cui non è riuscita la doppietta non sono quindi bastati.

D3: ESORDIO VITTORIOSO               In questo suddetto triste panorama, almeno la D3, alla giornata di apertura, ci ha dato la vittoria: 2 su 2 di cap. Arnaldi (che ha dimostrato velocità nell’apprendere e mettere in pratica “abbastanza di ciò che serve”; se userà ancora zucca e tenacia andrà parecchio avanti) e 1 punto a testa di Caretti e Raffaelli, e ce l’abbiam fatta 4 a 2 sul Comune di Roma B.  Attenzione, però: questa non era un’avversaria trascendentale…troveremo ostacoli ben più duri, sul nostro cammino, e dovremo mettercela proprio tutta-tutta, se davvero vorremo farcela.

DOPPIO PRE-MASTER, 1A PROVA                 Rimandata lun scorso per contemporaneità con la deprimente Italia-Svezia di calcio in tv., la 1a prova (su 3) propedeutica al Master di giugno si terrà LUNEDÌ 20 ORE 20.45.  Pregasi puntualità.

VARIE

SPAREGGIO D3                      Abbiamo svolto i previsti combattuti spareggi per la 1a di serie D3 contro il Comune di Roma che SI SVOLGERÀ SABATO PROSSIMO ORE 17 DA NOI e non – come in precedenza annunciato dal Comitato regionale Fitet – domenica 19 a v Palestro. Partono titolari Arnaldi (cap nonchè vincitore degli spareggi), Napoleoni e Raffaelli; 4° uomo Caretti.

LUN 13: I NON CALCIOMANI GIOCANO!                       Alcuni dei nostri, irriducibili tifosi dell’Italia footballistica, han detto che, dato che in tv c’è il retour-match di Ita/Sve dopo la recentissima figuraccia, lunedì non verranno. Altri invece, e ne siamo lieti, preferiranno venì a gggiocà a pinghepònghe. Quanto al sottoscritto, la cui ultima partita vista per intero fu – giusto qualche settimana fa – la leggendaria “Ita/Ger 4 a 3” del 1970, con successivo crollo di interesse per il calcio allorchè nel marzo ’80 vari illustri azzurri finirono “ar gàbbio” perchè si vendevano le partite (vizio da cui sembrerebbero affetti anche alcuni pedatori odierni…), egli del dio pallone se ne sbatte tuttora; comunque gli piacerebbe che i pongisti della Asd Pingpong Mun XV fossero pragmatici come Nobby Stiles, reputato il difensore più tenace di ogni tempo…ma basterebbe, stra-avanzerebbe che emulassero il laconico friulano Tarcisio Burgnich! E invece regalano, sprecano, si confondono, si incasinano da soli, sbàjano rigggòri, urlàcchiano…poverinnoi.

LUN 13: DOPPIO POSTICIPATO               Sempre per il motivo di cui sopra la 1a qualificazione al Master di doppio (Master che si svolgerà a giugno) viene spostata a lunedì 20 novembre.  (E lunedì 27 svolgeremo la 1a prova propedeutica al Master di singolo).

TOPPE               Parliamo di “vere toppe, rappezzamenti”, non di tòppe abbreviazione di toppespìnne come dicono qui nella Città Eterna: anche i meno svegli di voi si saranno accorti che da un paio di giorni sono stati messi a posto, dopo anni, quei due sbreghi nel linoleum in mezzo alla palestra così pericolosi per le caviglie…ora trattiamole bene, tali toppe!

D3 E INFORTUNIO

D3: SI PARTE!             Il Comitato Regionale ha pubblicato gironi e calendari della D3.  I gironi sono 8, quindi arrivano fino all’H e noi siamo nell’F assieme a 1)Comune di Roma B, 2)AS TT Roma, 3)Isola Dragoni Blu e 4)Eureka-Argoli.   Girone a 5, quindi: tutto può essere visionato andando su Fitet-Lazio-Campionati-D3.   Per noi PRIMA GIORNATA IN TRASFERTA A V.PALESTRO 38 (A DUE PASSI DA TERMINI) DOMENICA 19 ORE 10.30, CONTRO IL COMUNE DI ROMA B. Il fatto che sia “B” ci conforta perchè – ehm – non dovrebbe essere la loro prima squadra, e perciò forse sono abbordabili…  Il veterano Raffaelli, troppo spesso fuori Roma per lavoro, ha lasciato ad Arnaldi onore e onere di fare il capitano; perciò quest’ultimo si informi bene p.e. da Iannuzzi o anche da Cesareo circa la minima eppur indispensabile burocrazia che va svolta con precisione subito prima e subito dopo ogni match quando si gioca in casa.  COME GIÀ ANNUNCIATO, PER STABILIRE CHI GIOCA LA 1A DI CAMPIONATO FAREMO ONESTO E MERITOCRATICO SPAREGGIO SAB 11 ORE 16 TRA I 6 LEGGENDARI GLADIATORI DELLA ROSA.

INCIDENTONE ALLA DE SETA                 Banalmente inciampata a casa, Claudia si è poi ritrovata la gamba in gesso…ne avrà per 3 o 4 settimane. Essa va quindi ad aggiungersi ai grandi campioni infortunati, dal ginnasta Franco Menichelli alle Olimpiadi ’68 a “Rombo di Tuono” Gigi Riva, per non dire dell’accoltellamento alla tennista Seles!   Frattanto a Colleferro tirano un sospiro di sollievo in vista dell’amichevole del 19 cui Claudia non potrà partecipare: infatti già era giunta fino a quelle remote lande l’eco dei suoi enormi progressi e delle conseguenti prodezze.   A parte gli scherzi: auguri, cara Claudia, ti attendiamo in palestra!