D3 “BARNA”: ANCORA UNA VITTORIA

D3 “BARNA”: ANCORA UNA VITTORIA                  Con molte partite di campionato (anche 2 nostre) rimandate poichè la maggior parte delle squadre, noi compresi, utilizzano palestre scolastiche questo weekend non agibili causa referendum, l’unica delle nostre 3 compagini che ha potuto scendere in campo, in casa della “Archivia Immobiliare” del quartiere salario-africano che appunto gioca in impianto “non requisito dal referendum”, è stata la competitiva “Barna” del tetragono cap. Claudio Cameo.  2 nettissime vittorie su 2 sue, più una su una di un profumatissimo Abbatelli finalmente efficace e una su 2 di Roberto Cameo: così abbiamo battuto 4 a 2 costoro, secondi nella classifica del girone D da noi saldamente comandata.  Le nostre due sconfitte, di misura e contro lo stesso avversario, sono state subite da Gonella e da Roberto Cameo.

A LUNEDI’                  Lunedì 5 il referendum sarà alle spalle e perciò noi confidiamo, alle solite ore 2045, di essere in palestra a massacrarci di tiri e sfide.

RISULTATI D2 E D3

D2: TRIBOLATO PAREGGIO                  Rocambolesca rimonta dei nostri eroi Cesareo, Massaro e Schiraldi in casa del club dallo strano nome “Maccheroni – L’arte dell’espresso” avente sede in zona-quartiere-africano: dopo essere andati sotto una a testa e quindi globalmente 0 a 3, al che anche i più ottimisti li davano per  condannati, hanno estratto ferrei inaspettati attributi e ne hanno vinta una a testa, sgraffignando un sudatissimo 3 a 3 finale!  Sempre mejo che gnente, ahò: un altro passetto che ci allontana dall’incubo-retrocessione.

D3 “BARNA”:  NETTO 5 A 1 PER NOI                Scesi in zona Laurentina, gli alfieri della “Barna” hanno tenuto fede alla loro fama di squadra più forte del girone infliggendo un secco 5 a 1 all’Eureka. A tal fine, 2 su 2 sia di cap. Claudio Cameo (pur reduce da infortunio occorsogli in allenamento) che di suo nipote Roberto il quale, se acquisirà un paio di colpi che gli mancano, diverrà un osso duro veramente, possedendo il temperamento del “fighter” che al supermercato non vendono.  E, a far 5, finalmente uno su 2 del profumatissimo Abbatelli, giunto alla sua prima vittoria stagionale dopo avere alquanto regalato nelle settimane scorse.

D3 “ROZEANU”: BRUCIANTE SCONFITTA                  Peccato per la giornata nera del nostro n° uno, il conte Iannuzzi che, dopo torride battaglie, ha ceduto in entrambe le sue partite al 5° set (una addirittura a 9 e dopo aver condotto 2 set a 0, “epica impresa” già da lui compiuta in passato)…altrimenti avremmo pareggiato.   Infatti un grintoso Igor “Aigor” Gigli si è lodevolmente spremuto come un limone e ha vinto la prima partita di campionato della sua vita (subito ha ordinato allo stupìto proprietario del baretto lì sotto un centinaio di bottiglie di champagne Dom Perignon, stappate e generosamente offerte al numeroso pubblico pagante colla c).    Per concludere, ohinoi, abbiamo scajato 1 a 5 , con due su due perse da un confuso Caretti (che ancora non capisce quando deve semplicemente tenerla in campo e quando invece può tirare) e appunto da Iannuzzi, più una dallo stesso Gigli.     Continuiamo quindi impertèrriti a detenere saldamente l’ultimo posto in classifica; e non sarà semplice, per gli avversari, riuscire a togliercelo!

SABATO 3/12: CHIUSO CAUSA REFERENDUM               Il 3 non potremo entrare in palestra perchè preparano la sede elettorale. Era prevista anche una partita casalinga di campionato, che abbiamo già chiesto al Comitato Regionale Fitet di spostare a sab 14 gennaio ’17.

RISULTATI CAMPIONATI D2 E D3

D2: DELUDENTE SCONFITTA CASALINGA (2 A 4)                 Contro i temibili primi in classifica de “L’Isola”, club dell’Ostiense, il solo Max Schiraldi merita completa lode: destreggiandosi calmo ed efficace punto dopo punto, ha vinto 3 a 1 contro un’avversaria (una delle poche donne all’altezza di competere in D2) che tempo fa gli aveva inflitto un secco 3 a 0.  Altri due nostri eroi, Amabile e Cesareo, si sono, al contrario, mostrati confusi, al di sotto delle loro possibilità, soccombendo causa quella maledetta tensione-strizza  ”da consapevolezza di stare disputando partita uff.le” che – specie nei key-points – ostacola un’enormità di pongisti in tutto il mondo e abbassa il loro valore a metà, o anche meno, di quel che mostrano in allenamento.  Discorso parzialmente diverso per Massaro: vinto brillantemente il primo match su avversario più quotato, sul 3 a 2 per gli avversari si è poi trovato davanti la suddetta reduce da batosta contro Schiraldi; sicchè tutti, compreso chi scrive, lo davano vincente.  E invece purtroppo qui, nella partita finale, la più importante poichè decideva tra nostra sconfitta e pareggio, davanti al modulo tecnicotattico dell’avversaria ragionato ma passivo, lento, quindi aggredibilissimo e pressabilissimo (e lui nel braccio i colpi per aggredire e pressare li ha, eccome se li ha!), è crollato di zucca e di nervi in modo incredibile: ha cominciato a fare “no” colla testa, si è spento come un fiammifero e ha collezionato – roba da chiodi – soli 8 punti in 3 set! Ohinoi.

D3 “BARNA”: FACILE CONTRO IL CASALPALOCCO                Il nostro team “Barna” punta, come ben sanno anche a Shangai, alla promozione e ripete, in casa anche alla 2a giornata, il punteggio della 1a: indiscutibile 5 a 1 con 2 su 2 di Claudio Cameo e idem di suo nipote Roberto, 1 su 1 di Gonella (in tutto, per loro 3, 15 set vinti e 0 persi) e – punto della bandiera “casalpalocchese” – nuova sconfitta del profumatissimo Abbatelli (ai vantaggi della bella come alla 1a giornata, e stavolta addirittura dopo aver condotto 2 set a 0; lui se non fa beneficenza non è contento, nun se sente er core in pace, porello…).  Salvo clamorosi e poco auspicabili scivoloni da qui a fine-campionato, la “Barna” dovrebbe comunque salire dritta dritta in D2.

D3 “ROZEANU”: SOTTO 2 A 4                 Prevedibile sconfitta nonostante altrettanto prevedibile doppietta di capitan Iannuzzi (giocatore da D2…ma questa stagione ha sportivamente accettato di “fare da chioccia” agli “acerbi pargoli” (età media 103,5 anni…) Caretti, Dato, Gigli e Raffaelli.   Il conte, cioè appunto Iannuzzi, si è imposto con due 3 a 0…mentre i pargoli di “treazzeri” se ne sono inghiottiti 4, senza quindi vincere manco ‘no straccio di set; l’unico che ci è andato vicino (a conquistare un set, non l’intero match) è stato l’ineffabile Gigli. Insomma, come per la “Barna” si prevedono glorie, per la “Rozeanu”, se oltre al capitano qualcun altro non comincerà a far punti, si profila il terìbbbbile disonore dell’ultimo posto in classifica che farebbe rivoltare nella tomba la somma Angelica Rozeanu cui abbiamo dedicato la compagine!!!  per fortuna in D3 non è prevista retrocessione…

RISULTATI CAMPIONATI D2 E D3

D2: (TROPPO?) FACILE                Amabile (1), Cesareo (2), Massaro (1) e Schiraldi (2) hanno a dir poco surclassato Bankitalia: un 6 a 0 senza un solo set perso dai nostri, e con punteggi che denotavano l’incolmabile divario tecnicoagonistico a nostro favore.   Che dire? strano che una squadra così debole venga schierata in D2 e non in D3…speriamo soltanto che la Banca d’Italia sia più tetragona, rispetto al suo settore pongistico, nel salvaguardare l’economia nazionale!

D3 BARNA: CONVINCENTE SUCCESSO 5 A 1                  In casa contro il Monterotondo, 2 su 2 di cap. Claudio Cameo, idem per suo nipote Roberto, un punto netto di Gonella ben rientrato nell’agonismo dopo lungo infortunio e – purtroppo – una sconfitta d’un soffio, ai vantaggi della V^, per un Abbatelli buono tecnicamente ma troppo propenso ad allontanarsi dal tavolo e quindi subire.  La squadra pare dunque solida e in grado di puntare alla promozione.  In particolare, notevole la tenuta di nervi del giovane ex-calciatore Roberto Cameo il quale però a questo punto, se vuol diventare un giocatore buono per serie superiori, deve assolutissimamente costruirsi il block e le aperture di puntinata. Allora sì, che farà paura a parecchi!

D3 ROZEANU: OHINOI, BATOSTA…                 Sconfitti 1 a 5…unico punto su 2 di cap. Iannuzzi (che nell’altra, quel broccolo, si è fatto rimontare da 2 a 0 per lui e non è la prima volta; comunque il conte può esser davvero contento di aver così ben recuperato dalla seria operazione di marzo) e prevedibile tonfo degli altri cioè Caretti, 2 perse su 2, Dato e Gigli entrambi una su una; il tutto per un globale 1 a 5 a favore dell’altra squadra di Monterotondo, affrontata in trasferta. Delle nostre 2 squadre di D3 già si sapeva che la “Rozeanu”, con giocatori poco esperti a parte il capitano, può combinare meno della Barna; ma i nostri eroi acquisiranno tempra cammin facendo.  Questa volta inoltre, va detto, gli avversari erano fortini…speriamo che contro compagini più accessibili riusciremo a farci valere.  E poi tra i nostri mancava un gladiatore come Raffaelli…

PROSSIMO WEEK-END                 Capitani, occhio che il 12-13 se gggiòca, ahò!

IL GURU “RIMONTATORE”

LUNEDì 31                 Un esercito di assatanati der pinghepònghe chiede se lunedì prossimo, dato er ponte, se ggggioca.  Ebbene sì, giuocheremo eccome!   Anche perchè, coi campionati alle porte, è opportuno rifinire la nostra già meticolosissima preparazione; e il tutto ci tornerà utile anche in funzione delle Olimpiadi 2024.

CAMPIONATI            I 3 capitani (in D2 in realtà il ruolo non è ancora stato ufficialmente attribuito…in D3 invece essi sono Cameo e Iannuzzi) si prega che organizzino fin da lun-mar i rispettivi team in funzione delle partite della giornata 5-6 novembre.

IL RIMONTATORE                Cè un tale in squadra, di cui per pietà cristiana non faremo il nome, che meglio starebbe ai giardinetti a dar da mangiare ai piccioni.  Anziano, sedentario, grasso e bolso, dopo un solo set ha già la linguaccia fuori; per buona misura è pure alquanto orbo e certe palle gli sfuggono a causa di ciò.  Eppure costui, che si dice in gioventù abbia combinato qualcosina a livello agonistico ma non vuol più esser tesserato, quando fa sfide anche coi migliori del club usa fregarli di solito in rimonta…oggi ne han fatto le spese nientemeno che Cameo, Cesareo e Massaro.  Racconta che alla polisportiva dei Gesuiti, ragazzino, lo chiamavano “il rimontatore”.   Bè, se non il suo eloquio infarcito di parolacce o la sua dieta pantagruelica, la sua “resilienza” quando sta sotto di brutto andrebbe imitata; ce ne sarebbe urgente bisogno, e in D2 e nell’imminente D3…quanti set e intere partite in più porteremmo a casetta!

 

COMINCIA ANCHE LA D3

D3: USCITI GIRONI E CALENDARI!                  Il Comitato regionale Fitet ha diramato da poche ore i calendari di D3, cui noi avevamo iscritto 2 compagini, entrambe inserite in gironi a 6, quindi con 5 partite di andata e altrettante di ritorno.   Il nostro team “Barna”, girone D (il tutto è consultabile in Fitet Lazio), aprirà il 5 novembre ore 17 in casa contro il Monterotondo.  Mentre il “Rozeanu”, girone E, sempre il 5 ma alle ore 15 dovrà essere in quel di Monterotondo per affrontare un’altra delle squadre di quel nutrito club.  I capitani, a 4 o 5 gg dalle partite, sono pregati di allertare e organizzare le formazioni, non senza aver consultato il selezionatore.   Abbiamo chiesto al Comitato di iniziare, in casa, sempre alle 17 (il conte Iannuzzi, notoriamente sveglio già all’alba, aveva inoltrato domanda su carta da pollo per iniziare alle sane, spartane 6 di mattina ma la sua proposta, inspiegabilmente, non è passata) e di disputare i primi 2 incontri in contemporanea, altrimenti si rischia di sforare le ore 19 del ns affitto-palestra; anzi, le si sforerebbero di sicuro.

MANACCE                  C’è qualche pirlone, in palestra, che, imitando “come fanno certi campioni” (che secondo il sott. andrebbero sottoposti a penalty-point ogni volta che lo fanno, ma le federazioni naz.li e internaz.li, lungo decenni, non hanno mai avuto il buon senso di emanare un divieto in merito), onde asciugarla striscia la “mano giocante”, sudatissima, sul tavolo.  Bè, almeno da noi è il caso che la pianti.    Uno, se – pur involontariamente – lascia goccioloni di sudore sulla superficie del tavolo e in terra e poi non gli dà una pulita, è già cafoncello forte.   Ma ‘sta storia della manaccia che lascia una schifosa scia sul tavolo, NO. BASTA!   Usate l’asciugamano (risalite all’etimo, please: fino a prova contraria dovrebbe servire proprio all’uopo) o, se ve lo siete scordato a casa, la maglietta o i pantaloncini.

SECONDA GIORNATA D2: VITTORIA

D2: PRIMA VITTORIA 2016/7                E’ stata una partita assai tesa, con nervosismo dei nostri e conseguenti errori gratuiti a iosa; ciò nonostante, grazie a doppietta di Massimo Cesareo e un punto su due sia di Domenico Massaro che di Max Schiraldi, è finita 4 a 2 per noi.  Quello dei nostri che più ha sentito l’emotività, causa determinante del suo match perso, è stato proprio il più esperto, cioè Schiraldi…avesse realizzato ciò che in allenamento dimostra di saper fare, sarebbe stata doppietta pure per lui.

OCCHIO: DAL 10 OTTOBRE SI GIOCA ANCHE AL LUNEDì                 Il 7 ottobre il Municipio XV ci ha dato l’ok scritto per utilizzare l’impianto di via Morro Reatino anche al lunedì e quindi dal prossimo, che cade il 10 ottobre – ore 2045-22.45 come al mercoledì – ci esibiremo in giocate da urlo con nugoli di emittenti dell’estremo oriente a riprenderle.

MODULI TESSERAMENTO E VISITE MEDICHE                  I nostri eroi stanno tardando a consegnarci sia gli uni che le altre…coraggio ragazzi, datevi ‘na smossetta a brevissimo.

ABBIAMO ANCHE LA SECONDA SQUADRA DI D3

SABATO D2 IN CASA                  Alle 15.30 Cesareo, Massaro e Schiraldi (che rileva Amabile) nella 2a di andata affrontano l’Eureka.  Dopo il pareggio della settimana scorsa si spera in una vittoria!

SECONDA SQUADRA DI D3                Per dare a più persone la possibilità di sperimentarsi in partite “ufficiali”, iscriviamo un’altra squadra in D3 oltre a quella capitanata da Claudio Cameo. Al momento essa è composta da Roberto Iannuzzi (cap), Roberto Caretti, Andrea Dato, Paola Guiducci (che si tessera anche perchè vuol partecipare, in giugno a Terni, ai Campionati Italiani Veterani) e un Luca Raffaelli che quest’anno sembra giocare piuttosto bene.  Ma nella rosa potrebbero entrare ancora una o due persone.  Il team di Cameo verrà intitolato al sommo Victor Barna (1911-72) e quello di Iannuzzi ad Angelica Rozeanu (1921-2006) che, con 6 titoli mondiali di singolo, è ritenuta la migliore di ogni tempo, ancora mejo de le pur micidiali cccinesi.

CHE PALLE!                Dopo esperimenti estivi e lodevoli ricerche, Cesareo ha trovato ottime palline del nuovo tipo – i più sprovveduti forse non sapranno che a livello mondiale, e quindi pure italiano, ora per gare federali impongono palle di plastica e non più di celluloide – a 80 cent l’una, prezzo ottimo. Ma bisogna comprarne 70.  Poichè ciascuno/a deve avere almeno 5 o 6 palline proprie, si prega di contattarlo e di PAGARGLIELE IN ANTICIPO, perchè lui, pur volonteroso, potrebbe anche – sacrosantamente – scocciarsi, dato che le magliette (trovate e fatte serigrafare sempre da lui, che merita un caloroso ringraziamento) qualcuno sembra stenti a pagargliele…e dire che Massimo ha anticipato tutta la somma al venditore!  Ragazzi, su, comportatevi correttamente, per favore fate i bravi.

E’ INIZIATA LA D2

D2: PAREGGIO ALL’ ESORDIO                  Nella remota, perigliosa Acilia, frazione Dragoncello, i nostri eroi Davide Amabile, Massimo Cesareo e Domenico Massaro, indossando sfavillanti magliette societarie nuove – fortemente volute soprattutto dall’elegantone Massimo cresciuto alla scuola di Pierre Cardin – alle quali quelle di Federer e Murray je fanno ‘na pippa, vincendone (e perdendone) una a testa han finito 3 a 3.   Va detto che nel team avversario, i famigerati Dragoni Verdi, militava un giocatore di ctg superiore che infatti presto salirà in D1.  Insomma, i Dragoni Verdi non li abbiamo fatti proprio neri come speravamo, ma almeno grigiastri sì.

D3:UN TEAM E FORSE DUE                 Già il mitico presidente Freddiani, il quale ha dichiarato alla stampa che tornerà trionfalmente ar pinghepònghe gggiocàto tra 3 anni allorchè i suoi pargoli saranno grandicelli, ha iscritto in D3 un team (Cameo Claudio cap, Abbatelli, Cameo Roberto, Gonella più 5° da stabilirsi).  Per l’iscriz della 2a compagine (Freddiani deve sapere se sì o no il 6, dato che il 7 la Federazione chiude le iscrizioni)  tutto è nelle sapienti mani di cap Iannuzzi il quale deve allestire l’organico e sta facendo frenetiche telefonate, pare anche al campione del Liechtenstein e al temuto vicecampione delle Isole Tonga, convocati a Roma d’urgenza.

BLOODY MONDAY                 Abbiamo chiesto, come 3a ns giornata di gioco settimanale, il lun sera al posto della dom mattina che piaceva a pochi…e da qualche settimana stiamo attendendo l’ok del Mun XV.  Sappiamo solo che il documento è “alla firma”.

LUTTO               Il 29 settembre, purtroppo, ci ha lasciati Laura Troschel, attrice, cantante e soprattutto signora simpaticissima, affidabile e “amica del pingpong”. Circa 20 anni fa aveva co-organizzato una manifestazione pongistica di beneficenza al Circolo Canottieri Roma, riuscendo a far comperare un’innovativa macchina per i neonati prematuri che venne donata all’Ospedale Bambin Gesù.

LA D2 STA PER COMINCIARE

TORNEO DEI DISALLENATI ALLO STRANIERO…                 Il cinese Sandro Wang, simpatico 48enne che ha gareggiato assieme al figlioletto n° 1 del Lazio under 10, ha vinto per un peluzzo il torneo su Max Schiraldi il quale gli aveva concesso un punto di vantaggio col solito sistema “più uno-meno uno”. E’ stato un match combattutissimo, finito ai vantaggi del quinto set. Cameo e Cutruzzulà sono stati tenuti fuori gara, perchè altrimenti già si sarebbe saputo prima di cominciare chi, al 99,9%, avrebbe vinto…

D2: NEL WEEK-END SI INIZIA!                  In D2 nostri eroi, privi di Cameo che – come ampiamente riportato da televisioni, quotidiani e ag stampa – vuol giocare in D3 per svezzare il 21enne nipotone Roberto e cercare la promozione, sono, nè più nè meno, un onesto team da media classifica.  L’importante sarà non commettere passi falsi tali da entrare in zona-retrocessione. Comunque, se qualcuno tra Amabile, Cesareo, Massaro e Schiraldi giornata dopo giornata mostrerà il famoso “salto di qualità”, potremmo anche avere sorprese esaltanti…  Domenica mattina il primo incontro/scontro in trasferta ad Acilia contro i temìbbbbbili Dragoni Verdi, che naturalmente noi cercheremo di far neri.

D3: 2 SQUADRE?                  Abbiamo ancora ca 7 giorni, dato che il Com Reg Fitet ha concesso una proroga, per decidere se iscrivere una o due squadre in D3; a tal fine la riunione ultimativa sarà, in palestra alle 16, sabato 1° ottobre.  E’ probabile che riusciremo a mettere insieme 2 squadre, anche se non di panchina lunga.   La D3 serve, a seconda di chi la gioca, a fare esperienza per chi è principiante o a tenersi in palla per chi è già esperto…ma non deve rappresentare uno “spauracchio psicologico” per alcuno: non è nemmeno possibile retrocedere!  Al massimo, chi gioca proprio da bestia verrà venduto a un club di F6 albanese…